Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
I FOUND THE SUN AGAIN REVIEW PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 19 Febbraio 2021 06:50

 

STEVE LUKATHER – I FOUND THE SUN AGAIN REVIEW - ENG

We left Steve one year and a half ago, July 2019, on the occasion of the italian dates of the last european Toto tour, where he told us of being physically very tired and ready to have some time to breath and channel new musical ideas into a solo project, and here we are, word kept as always by the Maestro!!

The album will released on February 26th renewing the partnership that has lasted for years with Mascot Records simultaneously with the new album by his friend Joseph Williams, companion of a thousand adventures on stages around the world. In fact, it will be possible to purchase an exclusive collectors box set of the two studio works, on CD and vinyl with a lot of surprises for the fans.

Luke's new album, the 8th as soloist, comes after eight-year break in his solo career, a professional moment dedicated to Toto and the Ringo All Star Band and consiste of eight tracks.

This "8" that is repeated in Luke's life seems a constant, with a symbolic reading of the sign of the infinity vertically, reminding us of the infinite greatness of this eternal musician.

Five are unreleased tracks and three cover songs of artists who have in some way marked Steve's musical life.

As Steve recently revelead, the record represents a throwback for various aspects, far from studio artifice, genuine music and sound, recorded live on tape, like they used to do when recording with one take, of a "good to the first"!!

After all, not every musician could afford it, but Steve already did his homework, that's why he became the musician he is today and one of the greatest session men of all time.

In the 80's and 90's big productions relied on Steve talent because they knew he could assure them to offer his taste, sound, precision, technique, and musicality, qualities very difficult to find all together elsewhere.

In fact, the album was recorded in one go on the beginning of 2020, during the lockdown period, in just one week, a track per day, without frills and without tons of effects.

Guitar, amp and REC. This way of making records seems very strange these days, as we are used to software, that allows you to cut and paste and overdub a lot of tracks.

Surely the breath of fresh air in the album is felt, and how! The sound, for example, is a very fresh sound, the lyrics are carefree, well tought and the arrangements are positive and never predictable.

We are faced with a very peaceful Luke with himself and this is perceived in every note of the record, a very honest album from someone who has nothing to prove to anyone after more than forty years always on the crest of the wave.

The album lineup is a mix of Luke's lifelong friends, from David Paich, through Joseph Williams, Gregg Bissonette and Jeff Babko, Jorgen Carlsson and John Pierce on bass.

We are talking about some of the most renowned musicians on the international music scene.

The album opens with "Along for the Ride," with which Luke seems to make things clear right away: time has passed but rock still flows in the veins of the legendary guitarist who seems to shout it to the whole world almost like a inner liberation. Time passes, but he never seems to get old… he should be cloned!! A fantastic Bissonette's break/solo of drums in amazing form which then flows into a breathtaking guitar solo.

The second single from the album, released a few weeks ago, is called "Serpent Soul" and represents the so called Toto style song, with an amazing David Paich on keyboards and backing vocals by Joseph Williams.

With the Toto groove of the origins, those of the late 70's, a tribute by Luke to the beginnings of the band that has contributed so much to affirm in the world and with lyrics that perhaps points the finger at those who have not believed in them over the years.

Third track "The Low Spark of High Heeled Boys" is one of the three covers contained in the album, a fantastic song by Traffic that Luke plays in his own way, blues-jazz guitar, always the right note at the right point, warm and biting voice at the same time, keyboards always entrusted to Paich,the "maestro", in the chorus adds his signature to a masterpiece that accompanies us for more than ten minutes with a thrilling final interplay among the musicians.

It's the turn of "Journey Through", a moment of detachment from the record, in which Luke tells us to close our eyes and relax by floating amongst the clearly Lukather melodies, with some melodic-fusion sounds.

Let's say the song you don't expect to find after a powerful beginning, an instrumental pearl that gives that touch of originality to an album to be listened and listened again.

We then move on to "Welcome to the Club", the second cover song revived by Luke, a very famous song from the 70's by Joe Walsh.

Also in this case, careful arrangements, impeccable interpretation of Steve, originality at its top in reproposing a song with seventies sound but with a more modern approach.

The sixth song "I Found the Sun Again" is the title track of the album, also accompanied by an eclectic video clip.

What to say, the title speaks for itself, Steve after probably a difficult period due to various personal problems seems to have finally found the inner peace, the serenity he needed.

And all this is put in black and white, note by note from a struggling melody, very relaxing, with a tearful guitar solo as only he can do.

Rediscovered love has probably cured many wounds that have occurred in recent years both personally but also professionally.

The seventh song, “Run to Me”, which has already become a hit, released last summer after a hard period following the lockdown due to the pandemic.

It's a song that sees the extraordinary participation of his friend Ringo Starr on drums, and to put the icing on the cake Joseph on backing vocals.

Also very nice is the video clip released in August recorded right at home with a lot of naturalness as if Luke wanted us to enter his personal world and show us what the everyday Luke is like, in a world made of simplicity and love for his partner.

The album ends with "Bridge of Sighs", the latest cover song, by Robin Trower that Luke masterfully reinterprets in his own way, with an Hendrix style that is imprinted in his musical dna, Paich's musical participation and a tearful Hammond plus a guitar solo by Luke that knocks out on the carpet.

What to say, the album is not for guitarists, as Luke's records have never been, it's rather a work for those who want to enjoy good music.

You can find rock, jazz, blues, funk, pop, a fusion of genres as only he can do.

Surely an album that has to be understood, listened to a few times. Here you certainly won't find the radio hit that lasts a summer long.

A very good production, sign that you can still make good music without big productions that nowadays are a far memory.

What is for sure is that here we can find the quality and the undisputed talent of an out of the ordinary musician who once again seems to say to the world, "Hey guys, I'm still here, and I'm still the same Luke!".

With the hope of being able to embrace him again during the next european tours, also having the opportunity to hear some of these songs live, we recommend to everyone to immerse themselves in this fantastic journey called "I Found the Sun Again".

_______________________

STEVE LUKATHER – I FOUND THE SUN AGAIN REVIEW - ITA

Avevamo lasciato Steve circa un anno e mezzo fa, Luglio 2019, in occasione delle date italiane dell’ultimo tour europeo dei Toto, dove ci raccontava di essere molto provato fisicamente per il tour e pronto a prendersi un periodo per rifiatare ed incanalare tutte le nuove idee musicale in un nuovo disco da solista, ed eccoci qua, parola mantenuta come sempre da parte del Maestro!! Il disco sarà in uscita il prossimo 26 Febbraio rinnovando il sodalizio che dura ormai da anni con Mascot Records e uscirà in contemporanea con il nuovo disco dell’amico Joseph Williams, compagno di mille avventure tra palchi di mezzo mondo. Sarà infatti possibile acquistare il box set esclusivo per i collezionisti dei due nuovi lavori in studio, formato cd e vinile con all’interno un sacco di soprese per i fan.

Il nuovo disco di Luke, l’ottavo da solista, arriva dopo otto anni di pausa della sua carriera solistica, momento professionale dedicato più ai Toto e alla Ringo All Starr Band e si compone di otto tracce. Sembra una costante questo “8” che si ripete nella vita di Luke, con una lettura più simbolica il segno dell’infinito in verticale, quasi a ricordarci dell’infinita grandezza di questo eterno musicista. Sono invece cinque le tracce inedite e tre le cover e gli omaggi ad artisti che hanno in qualche modo segnato la vita musicale di Steve.

Come ha rivelato recentemente Steve, il disco rappresenta un ritorno al passato per molti aspetti, lontano da artifizi costruiti in studio, musica e suoni genuini, registrato live su nastro, come si usava fare un tempo quando si registrava una take, di un “buona alla prima”!! Del resto non tutti i musicisti se lo possono permettere, ma Steve i compiti a casa li ha fatti a suo tempo ed è per questo che è diventato il musicista che è oggi ed uno dei più grandi session man di tutti i tempi. Negli anni ’80 e ’90 le grandi produzioni si affidavano a Steve proprio perché sapevano che le garanzie che poteva offrire lui per quanto riguarda il gusto, il suono, la precisione, la tecnica, la musicalità non sempre le si potevano trovare tutte assieme altrove. Il disco infatti è stato registrato tutto d’un fiato nei primi mesi del 2020, in periodo di lockdown, in una sola settimana, una traccia al giorno, senza fronzoli, senza quintali di effetti. Chitarra, amplificatore e premi “REC”. Questo modo di fare i dischi ormai ci sembra assai strano, abituati come siamo ai software che ti permettono di fare taglia e incolla ed a sovraincidere un sacco di tracce. Certo la ventata di aria fresca nel disco si sente, eccome! Il suono per esempio è un suono molto fresco, i testi spensierati e molto positivi gli arrangiamenti curati e mai scontati. Ci troviamo difronte ad un Luke molto sereno con sé stesso e questo si percepisce in ogni nota del disco, un album molto onesto come di chi non ha proprio nulla da dimostrare a nessuno dopo più di quarant’anni sempre sulla cresta dell’onda.

La line up del disco è un mix dei compagni di una vita di Luke, da David Paich, passando per Joseph Williams, dall’amico Gregg Bissonette a Jeff Babko, Jorgen Carlsson e John Pierce al basso. Stiamo parlando dei musicisti tra i più rinomati del panorama musicale internazionale.

L’album si apre con “Along for the Ride,” con la quale Luke sembra mettere in chiaro sin da subito le cose: il tempo è passato ma il rock scorre ancora nelle vene del mitico chitarrista che sembra urlarlo al mondo intero quasi come una liberazione interiore. Il tempo passa, ma lui sembra non invecchiare mai…..da clonare!! Fantastico il break/solo di batteria di Bissonette in forma strepitosa che confluisce poi in un solo mozzafiato di chitarra.

Il secondo singolo dell’album uscito alcune settimane fa si intitola “Serpent soul” e rappresenta il cosiddetto brano alla Toto, con uno strepitoso David Paich alle tastiere e i cori di Joseph Williams. Groove alla Toto delle origini, quelli del sound fine anni ’70, un tributo di Luke alle origini della Band che tanto ha contribuito ad affermare nel mondo ed un testo che punta il dito forse verso chi non ha creduto in loro nel corso degli anni.

Terza traccia “The Low Spark of High Heeled Boys” è una delle tre cover contenute nell’album, pezzo fantastico dei Traffic che Luke riproduce alla sua maniera, chitarre blues-jazz, sempre la nota giusta al punto giusto, voce calda e graffiante al tempo stesso, tastiere affidate sempre al maestro Paich che nel ritornello aggiunge la sua firma ad un capolavoro che ci accompagna per più di dieci minuti con un interplay finale da brividi tra i musicisti.

E’ la volta di “Journey Through”, un momento di stacco del disco, nel quale Luke ci dice di chiudere gli occhi e di rilassarci fluttuando tra le melodie di chiaro stampo Lukather, riprendendo sonorità melodic-fusion. Diciamo il pezzo che non ti aspetti di trovare dopo una partenza potente, una perla strumentale che dà quel tocco di originalità ad un album tutto da ascoltare e riascoltare.

Passiamo poi a “Welcome To The Club”, la seconda cover riproposta da Luke, un pezzo molto famoso degli anni ’70 di Joe Walsh. Anche in questo caso arrangiamenti curati, interpretazione di Steve impeccabile, originalità al top nel riproporre un pezzo dal sound seventy con accorgimenti più moderni.

Il sesto brano “I Found The Sun Again” è la traccia che dà il titolo all’album, accompagnato anche da un eclettico video clip. Che dire, il titolo parla da solo, Steve dopo un periodo probabilmente difficile a causa di vari problemi personali sembra aver finalmente ritrovato la pace interiore, la serenità di cui aveva bisogno. E tutto questo è messo nero su bianco, nota su nota da una melodia struggente, molto rilassante, con un solo di chitarra strappalacrime come solo lui sa fare. Probabilmente l’amore ritrovato ha curato molte ferite capitate negli ultimi anni sia a livello personale ma anche professionale e lavorativo.

Settimo brano, “Run To Me”, diventata ormai una hit, uscita durante la scorsa estate dopo un duro periodo seguito alla prima fase di lockdown internazionale a causa della pandemia. E’ un brano che vede la straordinaria partecipazione dell’amico Ringo Starr alla batteria, con Joseph ai cori a mettere la ciliegina sulla torta. Molto simpatico anche il video clip uscito ad Agosto registrato proprio tra le mura domestiche con molta naturalezza quasi a volerci fare entrare nel suo mondo più intimo per farci vedere com’è il Luke di tutti i giorni, un mondo fatto di semplicità ed amore della compagna.

L’album si chiude con “Bridge Of Sighs”, l’ultima cover firmata Robin Trower che Luke magistralmente reinterpreta alla sua maniera, con lo stile Hendrix che è impresso nella sua genetica musicale. Intervento musicale di Paich con un Hammond strappa lacrime ed un solo finale di Luke che stende al tappeto.

Che dire, l’album non è un album per chitarristi, così come non lo sono mai stati i dischi di Luke, è piuttosto un lavoro per tutti coloro che vogliono fruire della buona musica. Vi si trova del rock, jazz, blues, funk, pop, una fusione di generi come solo lui sa fare. Certamente un album che va capito, ascoltato più volte, qui dentro certo non ci troverete la hit radiofonica che dura un’estate. Ottima produzione, segno che si può fare ancora musica di ottimo livello senza mega produzioni che oggigiorno risultano essere sempre più un ricordo lontano. Certo è che qui troviamo la qualità e le doti indiscusse di un musicista fuori dal comune che ancora una volta sembra voler dire al mondo, “Hey ragazzi, io sono ancora qui, e sono sempre il solito Luke!”.

Con la speranza di poterlo abbracciare di nuovo durante i prossimi tour europei, avendo anche l’opportunità di sentire alcuni di questi brani dal vivo, consigliamo a tutti di immergersi in questo fantastico viaggio chiamato “"I Found The Sun Again".

GGM Studios Staff

 

"I Found The Sun Again" tracklist:

1 Along For The Ride

2 Serpent Soul

3 The Low Spark of High Heeled Boys

4 Journey Through

5 Welcome To The Club

6 I Found The Sun Again

7 Run To Me

8 Bridge Of Sighs

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 19 Febbraio 2021 07:00
 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter