Login



Don't you have an account? Register to join the fanclub and GGM newsletter, it's free! Non hai ancora un account? Registrati per unirti al fanclub e alla GGM newsletter, è gratis!

Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
JOSEPH WILLIAMS - DENIZEN TENANT REVIEW PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 22 Febbraio 2021 07:25

 

JOSEPH WILLIAMS - DENIZEN TENANT REVIEW - ENG

Another long awaited album in these first months of the new year is that of Joseph Williams, our dear friend we met on the occasion of the italian dates of the last Toto 2019 european tour. If we look at Joseph's discography we realize that 13 years have passed since his last solo album, “This Fall" released in 2008. The new tracks are not conceived during the last year, or the last period of pause with Toto, but they refer to ideas from a long period of time, maybe some pre-productions put in a drawer for some time and rediscovered during the lockdown period. Obviously the material needed to be modified but what came out from that is something truly unique, an album with very well thought sounds and arrangements and never banaI. By the way as for Steve Lukather's new record, also Joseph's will be released for Mascot Records, a new partnership is born. The album can be purchased in cd and vinyl formats or in the special edition box with “I Found the Sun Again", again on the 26th of February.

For this big occasion Joe called wonderful musicians, old friends and those who are part of the large extended Toto family. The sounds of the album are very similar to Toto ones, certainly much more so than the ones in Luke's album which features more experimental sounds like we discussed in the dedicated review. The musicians involved are the likes of Steve Lukather, Jeff Babko, David Paich, Simone Phillips, Lenny Castro, Natan East, Leland Sklar, Steve Tavaglione, Mike Landau, Western Wilson, Mark T. Williams and many others.

Last autumn has been released the first single followed by a very psychedelic video produced by Joe himself , entitled “Never San You Coming". The track fits perfectly for the opening of the record, crazy sound and voice in great shape for friend Joseph. To be noted the presence of Mike Landau, an old friend of Joe since school days, with whom he has always collaborated, who always puts the right note at the right time with his guitar, his trademark since a lifetime, and percussion from Lenny Castro who shared the Toto stage until just over one year ago. The second single is titled “Liberty Man". What can the listener hear instantly is Simon Phillips' unmistakable groove on drums who, with his melodic pattern in the verse, orchestrates the track in an original and impeccable way. The whole track sees the presence of the entire Toto lineup from the Falling in Between tour, with Simon, Leland Sklar on bass and Luke on guitar, in fact the sound is very reminiscent of 2006 FIB, very close to “Dying on My Feet", with a masterful Joseph on vocals.

Third track is the one that give the name to the album “Denizen Tenant", almost playing with words, because the two nouns are synonyms with the same meaning, as explained by Joseph several times.

An out of the ordinary track, very sparkling and rhythmic where Joe gets elaborated on the programming of drums, synths and keyboards with bass and guitar from Steven Overton.

Next is “Wilma Fingadoux", third single recently released accompanied with a video distributed on all digital platforms. The track destined to be a pop hit has the participation of Joseph's daughters on background vocals, Emma Ray Williams and Hannah Ruick, and hides melancholy sounds in reference to the memories of Joe's mother, died prematurely.

Very thrilling the three voices intersect are thrilling and in the background a cello slowly marks the time Tina Guo.

Fifth track of the album is “Black Dahlia" a very “seventy” sounding song with a frightening rhythm section, bass from Nathan East and drums by Barbara Gruska, with the usual Landau and his fills of guitar at the right point and a masterful final solo.

This time we also have a guest of honor, bandmate, “Maestro” David Paich with his hammond conducting the orchestra!

Sixth track is “Don’t Give Up" from the legendary Peter Gabriel. Yes, Peter Gabriel, because the album contains cover songs as well from other artists that influenced Joseph’s musical choices. Like recently told by Joe, cover songs not planned, but while working on his songs, between a break and the other, browsing on the web he listened to songs like this one and he got the desire to rearrange and propose them to his own way. On percussion Lenny Castro and guitar by Luke. The voice alternating is the one from his daughter Hannah which supports her father in a sublime way, while the other daughter Ray is on background vocals, what an alchemy. Really good!!

It's the time for “The Dream", AOR type song, a mid-tempo in the style of Joseph Williams. On drums is Mark T. Williams, Joe's brother, and it is an immense pleasure to find him in this album, while on percussion is always Lenny Castro and the guitars of Landau.

Seventh track “Remember Her", a touching pop ballad written by Joe in collaboration with Paul Gordon, where Lenny's percussion are tight to Luke’s notes in a masterful solo and on the piano, played by Joe.

The music for “No Lessons" is written by Jay Gruska while the lyrics are from Denise Gruska. An original sounding ballad where all programming and arranging has been taken care by Jay Gruska and the trumpet by Steve Tavaglione. Joe is the master with his clear and biting voice. He could interpret every musical genre with his vocal abilities!

“Mistress Winter's Jump" has been written by Steven Overton who also took care of bass and guitar, while Joe the arrangements. A track with fairytale and medieval sound that explodes in the chorus with very emotional vocals crossings.

Like before mentioned there are a couple of cover songs in the album. “If I Fell", very famous song from John Lennon and Paul McCartney is the second cover song that Joe interprets in his own way. Luke and Joseph's voice duet like we are used to in Toto between the notes of a unique acoustic guitar by Lukather. The song is also fun and much appreciated, in the right context, never over the top or out of context in the whole project.

The album closes with “World Broken" written by Joe and Berry Bregman. The idea behind this track starts from a far, we are talking about are unfinished demo from many years ago and picked up again by Joe and Berry who worked on it to create a melodic ballad that brings back to the choirs, this time again, by Joe's beloved daughters. Lenny's percussion create a sound carpet that distinguishes the elegance of the entire song.

A very original album, varied and not obvious at all, pop rock oriented, a trademark of many years of Joseph's musical career. Highly recommended to all Toto lovers because they will find sounds from the Band, but also to all those who want to listen to something new and fresh and of high quality, as only Joseph Williams can do.

With the hope to embrace him and see him again on tour, with the chance to hear some of these songs live, we wish all the best to Joe and the whole GGM Studios congratulates him on this fantastic new record titled “Denizen Tenant".

GGM Staff

______________________

JOSEPH WILLIAMS – DENIZEN TENANT REVIEW - ITA

Altro album molto atteso in questi primi mesi del nuovo anno è quello del grande Joseph Williams, nostro caro amico che avevamo incontrato in occasione delle date italiane dell’ultimo tour dei Toto nel Luglio del 2019. Se guardiamo la discografia di Joseph ci accorgiamo che sono passati ben 13 anni dall’ultimo disco da solista, “This fall” uscito per l’appunto nel 2008. Le nuove tracce non nascono però nell’ultimo anno, o comunque nell’ultimo periodo di pausa con i Toto, ma si riferiscono ad idee succedutesi in un lungo arco temporale, magari delle pre-produzioni messe temporaneamente in un cassetto e riscoperte durante il periodo di lockdown. Certo il materiale sicuramente era da rielaborare ma quello che ne è uscito fuori è un qualcosa di veramente unico, un album dalle sonorità e dagli arrangiamenti molto curati e mai banali. Tra l’altro così come per il nuovo album di Steve Lukather, anche il nuovo progetto di Joseph uscirà per Mascot Records, nasce così un nuovo sodalizio. L’album infatti potrà essere acquistato nei formati cd ed LP oppure nel box special edition in accoppiata con “I found the sun again” di Luke, sempre dal 26 Febbraio 2021.

Per la grande occasione Joe si è avvalso di grandi musicisti, gli amici di sempre e coloro che fanno parte della grande famiglia allargata chiamata Toto. In effetti le sonorità dell’album sono molto affini a quelle dei Toto, sicuramente molto di più che quelle dell’album di Luke che presenta invece sonorità più sperimentali come abbiamo avuto modo di scrivere nella recensione dedicatagli. I musicisti coinvolti sono gente del calibro di Steve Lukather, Jeff Babko, David Paich, Simon Phillips, Lenny Castro, Nathan East, Leland Sklar, Steve Tavaglione, Mike Landau, Weston Wilson, Mark T. Williams e molti altri.

Durante l’autunno è uscito il primo singolo accompagnato da un video molto psichedelico prodotto dallo stesso Joe, intitolato  “Never Saw You Coming”. Il pezzo è azzeccatissimo per l’apertura del disco, sound pazzesco e voce in grande spolvero per l’amico Joseph. Da notare la presenza di Mike Landau, vecchio amico di Joe sin dai tempi delle scuole, con il quale ha da sempre collaborato, il quale inserisce con la sua chitarra sempre la nota giusta nel momento giusto, suo marchio di fabbrica che lo contraddistingue da una vita, e la presenza delle percussioni dell’amico Lenny Castro con il quale ha condiviso il palco con i Toto fino a poco più di un anno fa. Il secondo singolo uscito si intitola “Liberty man”. La caratteristica che subito balza all’orecchio dell’ascoltatore è il groove inconfondibile di Simon Phillips alla batteria che con il suo pattern melodico nella strofa orchestra il brano in modo originale ed impeccabile. L’intero brano vede poi la presenza della line up dei Toto ai tempi del Falling in Between tour, con Simon, Lelank Sklar al basso e Luke alla chitarra ed infatti le sonorità riportano molto ai tempi di FIB del 2006, molto affini nello specifico a “Dying on My Feet”, con un Joseph magistrale alla voce.

Il terzo brano è quello che dà il titolo all’album “Denizen Tenant”, quasi un gioco di parole, in quanto i due sostantivi sono due sinonimi che hanno lo stesso significato, così come ha spiegato più volte Joseph.

Brano fuori dagli schemi, molto frizzante e ritmato dove Joe si sbizzarrisce nella programmazione delle batterie, dei synths e delle tastiere e a far da spalla il basso e la chitarra di Steven Overton.

Passiamo poi alla quarta traccia “Wilma Fingadoux”, terzo singolo uscito da poco sempre accompagnato da un video distribuito su tutte le piattaforme digitali. Il brano destinato a diventare una hit pop vede la partecipazione ai cori delle figlie di Joseph, Emma Ray Williams e Hannah Ruick, e nasconde sonorità melanconiche in riferimento ai ricordi della mamma di Joe, scomparsa prematuramente. Da brividi le tre voci che si incrociano e sullo sfondo un violoncello che scandisce lentamente il tempo ad opera di Tina Guo.

Quinto brano dell’album “Black Dahlia” dalle sonorità molto “seventy” con una base ritmica da paura, basso affidato a Nathan East e batterie a Barbara Gruska, con il solito Landau ad inserire dei piccoli interventi di chitarra al momento opportuno ed un solo finale magistrale. Questa volta però abbiamo anche l’ospite d’onore, compagno di Band, il Maestro Davide Paich che con il suo Hammond dirige l’orchestra!

Sesto brano “Don’t give up” del mitico Peter Gabriel. Ebbene sì, proprio Peter Gabriel, perché nell’album sono contenute anche delle covers di altri artisti che in qualche modo hanno influenzato le scelte musicali di Joseph. In verità, come ha recentemente raccontato Joe, le covers non erano state pianificate, ma lavorando ai suoi brani, tra una pausa e l’altra sbirciando in rete ha riascoltato brani come questo e gli è venuta la voglia di riarrangiarli e riproporli alla sua maniera. Percussioni affidate sempre a Lenny Castro e chitarra all’amico Luke. Anche in questi casi la voce che si alterna a quella di Joe è quella della figlia Hannah Ruick che fa da spalla al padre in maniera sublime, mentre Ray Williams stavolta ai cori! Che forza della natura questi Williams e che alchimia, bravi davvero!!

E’ il momento di “The dream”, pezzo dall’impronta AOR, una mid-tempo stile Joseph Williams. Alla batteria Mark T. Williams il fratello di Joe che ritroviamo con immenso piacere in questo album, mentre le percussioni sono sempre opera di Lenny Castro e le chitarre di Landau.

Settima traccia “Remember her”, una pop-ballad emozionante scritta da Joe in collaborazione con Paul Gordon dove le percussioni di Lenny si incastrano alle note di Luke in un solo magistrale e al piano, sempre suonato da Joseph.

“No Lessons” è un pezzo scritto per quanto riguarda le musiche da Jay Gruska mentre i testi sono di Denise Gruska. Una ballata molto originale nelle sonorità dove tutta la parte di arrangiamento e programmazione è stata affidata a Jay Gruska e la tromba in sottofondo al mitico Steve Tavaglione. Joe la fa sempre da padrone con la sua voce pulita e graffiante al tempo stesso, potrebbe interpretare qualsiasi genere musicale date le doti canore che si ritrova!

“Mistress Winter’s Jump” invece è stata scritta da Steven Overton che ha curato la parte di basso e chitarra mentre Joe si è curato degli altri arrangiamenti. Un brano dalle sonorità quasi fiabesche e medioevali che esplode nel ritornello in un incrociarsi di voci emozionanti.

Come già accennato prima sono presenti anche un paio di covers all’interno del disco. “If I Fell”, brano famosissimo di John Lennon e Paul McCartney, è la seconda cover che Joseph interpreta e arrangia alla sua maniera. La voce di Luke e Joseph duettano come siamo soliti sentire nei Toto tra le note di una chitarra acustica inconfondibile targata Lukather. Divertente e molto apprezzata anche questa traccia e soprattutto inserita nel contesto giusto, mai sopra le righe o fuori contesto rispetto all’intero progetto.

L’album si chiude con “World Broken” scritta da Joe e Barry Bregman. L’idea di questo brano parte da lontano, si parla di una demo incompiuta di molti anni fa e ripreso in mano da Joe e Berry che lo hanno elaborato fino ad arrivare ad una ballad melodica che riporta ai cori, anche in questo caso, le tanto amate figlie di Joe. Le percussioni di Lenny creano un tappeto sonoro che contraddistingue l’eleganza dell’intero brano.

 

Un album molto originale, variegato e per nulla scontato pur mantenendo quella connotazione rock-pop che è il marchio di fabbrica di Joseph in tutti questi anni di onorata carriera musicale. Consigliatissimo l’ascolto a tutti gli amanti dei Toto perché in qualche modo vi ritroveranno alcune sonorità della Band ma anche a tutti coloro che hanno voglia di ascoltare qualcosa di nuovo e fresco sempre però di un certo livello qualitativo, come solo Joseph Williams sa fare. Con la speranza di poterlo abbracciare e vedere nuovamente in tour, avendo la possibilità magari di ascoltare alcune di queste tracce dal vivo, auguriamo tutto il meglio a Joe e tutto il GGM Studios fa i complimenti per questo nuovo fantastico album intitolato “Denizen Tenant”.

GGM Staff

Tracklist:

1. Never Saw You Coming

2. Liberty Man

3. Denizen Tenant

4. Wilma Fingadoux

5. Black Dahlia

6. Don’t Give Up

7. The Dream

8. Remember Her

9. No Lessons

10. Mistress Winter’s Jump

11. If I Fell

12. World Broken

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Febbraio 2021 07:39
 

Mp3 Player

Visit Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter